Voti: 0
Brand positioning: il "modello mentale" per far breccia nei clienti e battere la concorrenza Nuovo

Si chiama brand positioning e serve ad attirare potenziali clienti attraverso l'immagine del brand che essi hanno nella loro mente.

brand-positioning-clienti

Fonte: brandingstrategyinsider.com

 

Il brand è un fattore strategico per un'impresa perchè la rende riconoscibile al potenziale cliente. È attraverso il brand che l'impresa acquista valore e in conseguenza al brand che riceve i suoi profitti.

 

Ma come rendere appetibile il brand per acquisire clienti? Lo spiega il consulente ed esperto di brand positioning, Marco De Veglia nel suo libro "Zero concorrenti-Come usare il brand positioning per differenziarti e farti cercare dai clienti".

 

Il brand positioning è una sorta di "modello mentale" che spiega come il cliente percepisce nella sua mente la promozione di un brand. Il brand positiong è dunque una strategia che permette di studiare un messaggio che renda il proprio prodotto appetibile agli occhi del cliente sbaragliando la concorrenza.

 

Secondo l'autore del libro Marco De Veglia, che vanta un'esperienza trentennale di collaborazioni con marchi come Averna, Burger King, DeAgostini, Conad, Ikea, Kellogg's, Olivetti e Microsoft; “il brand positioning è un concetto di marketing veramente indispensabile, che l’imprenditore deve conoscere”.


De Veglia oltre a spiegare cos'è il brand positioning, illustra come metterlo in pratica attraverso una serie di esempi di brand italiani. In particolare, egli ha elaborato un metodo che si compone di 4 step:

 

1 - Definire il contesto: valutazione della concorrenza e di cosa c'è nella mente dei potenziali clienti.

 

2 - Trovare idea differenziante: identifica l'idea differenziante, ovvero un'idea che renda la propria brand differente dai competitor in maniera rilevante per il potenziale cliente.

 

3 - Test contrario/limiti: con il Test del contrario si valuta se ci sono concorrenti che dicono il contrario (ci devono essere, altrimenti l'idea non è realmente differenziante); con il Test dei limiti si identificano dei 'limiti' alla brand per aumentare la credibilità della promessa.

 

4 - Brand Positioning Statement: si scrive un Brand Positioning Statement che è un breve documento che esprime chiaramente l'idea differenziante e il vantaggio che porta al potenziale cliente e che serve come riferimento per tutte le attività di marketing. (Fonte: Adkronos)

 

Questo metodo si rivolge alle imprese, ai professionisti e agli imprenditori e fa parte di una strategia volta a eliminare la concorrenza attraverso la differenziazione del brand.

 

Il brand positiong non è altro il fissare il brand nella mente del potenziale cliente. Come farlo? De Veglia individua principalmente due strategie:

 

La prima strategia è detta dello "Specialista". In questo caso, l'imprenditore deve porsi come specialista nel proprio settore. "I clienti infatti sono più propensi ad acquistare da uno specialista".

 

La seconda strategia è detta del "n.1". L'imprenditore deve porsi come il primo o il n.1 nel comunicare il proprio brand attraverso qualche elemento che lo dimostri. Il cliente infatti non riesce a valutare in maniera oggettiva la leadership di un brand rispetto ad un altro.

 

L'autore parla anche di una terza strategia che può essere usata come rinforzo delle due precedenti. La stategia dell'Ingrediente magico. Bisogna comunicare il prodotto come se avesse delle caratteristiche "magiche" anche senza una valida spiegazione.

 

Secondo De Veglia ne consegue che: "il marketing sono tutte le attività che si fanno per comunicare il brand positioning".

 

Brand positioning, brand, imprese, marketing

Laura Maiellaro 4.3 1 feedback Pubblicista
Commenta l'articolo

Non ci sono risposte

Rispondi all'articolo
Aiuto