Voti: 0
Professione Geometra: la categoria che ha aggirato la crisi e si proietta nel futuro Nuovo

Oggi a Roma, l'evento "Valore Geometra". Presentate due ricerche dell'Università di Genova e del Future Concept Lab di Milano sulla professione del geometra.

professione-geometra-futuro

Fonte: geometraxamo.it

 

Oggi a Roma si è tenuto l'evento "Valore Geometra" organizzato dal Consiglio nazionale geometri e geometri laureati, dalla Cassa italiana previdenza e assistenza geometri liberi professionisti e dalla Fondazione Geometri italiani. All'incontro sono state presentate due ricerche sulla professione.

 

La prima realizzata dall'Università di Genova, che ha analizzato i dati statistici circa l'evoluzione del fatturato e dei redditi dei geometri tra il 2006 e il 2016. La seconda invece, realizzata dal Future Concept Lab di Milano, sull'identità e le prospettive future di questa categoria.

 

I dati emersi forniscono un quadro roseo per la professione del geometra. Infatti, nonostante la crisi, la categoria non ha sofferto di particolari mancanze. Si è adattata al contesto economico e ha rinnovato le competenze nonchè gli ambiti di intervento.

 

Secondo le ricerche statistiche dell'Università di Genova, la professione del geometra si è adattata al cambiamento del contesto, specialmente nel settore edilizio. Ha cambiato la tipologia dei servizi offerti, orientandosi sempre più alla consulenza.

 

Le attività si sono diversificate: oltre alle pratiche catastali, troviamo certificazioni energetiche, acustiche, direzione lavori ma anche pratiche fiscali e burocratiche. Il cliente è diventato il privato: imprese, enti, condomini e persino l'autorità giudiziaria.

 

A fronte di questa multidisciplinarietà, la professione ha potuto mantenere nell'arco di 10 anni, un fatturato superiore al pil pro capite italiano. Si parla di 31.832 euro di fatturato a fronte di 27.027 euro di pil pro capite. Inoltre, la professione si è aperta ai giovani che per la metà dei casi analizzati si è rivelata economicamente indipendente (il 10,6%).

 

L'analisi condotta da Future Concept Lab si è concentrata sugli aspetti da tenere in considerazione per mantenere i livelli retributivi e qualitativi della professione nel futuro.

 

In particolare, emerge dalla ricerca che nel futuro sarà importante proseguire sulla strada dell'adattamento al cambiamento. La strada giusta da percorrere è quella della consulenza.

 

Il professionista geometra deve essere un esperto in diversi settori, del proprio territorio, conoscere tutti gli aspetti per fornire un servizio utile alla propria comunità. Sostenibilità, unicità, condivisione e tempestività, sono le quattro aree in cui si delinea la futura identità del geometra.

 

"Emerge in sintesi, dalla ricerca Future Concept Lab, come in futuro per i geometri sarà importante far convergere e consolidare azioni diverse: essere un facilitatore dello sviluppo, accompagnando i cittadini nel dare la giusta importanza alla prevenzione e alla sicurezza dei propri ambienti di vita; essere un consulente globale, aprendosi a logiche collaborative, anche intergenerazionali su tematiche di urgenza sociale; godere di un upgrade professionale, affermando le capacità acquisite nel trovare soluzioni sul campo; raggiungere un profilo culturalmente evoluto, per avere un quadro completo del contesto socio-ambientale odierno". (Fonte: Adnkronos)

 

Laura Maiellaro 4.3 1 feedback Pubblicista
Commenta l'articolo

Non ci sono risposte

Rispondi all'articolo
Aiuto