Voti: 1
Domotica low cost Attivo
Salve, vorrei realizzare a casa mia un sistema di controllo domotico, senza necessariamente acquistare soluzioni pre confezionate e proprietarie quali quelle delle Ticino. Tra l'altro vorrei evitare di rifare l'impianto elettrico. Ho sentito parlare di soluzioni basate su X10, qualcuno mi sa dire se sono affidabili o se esistono soluzioni alternative; Inoltre che tipo di software posso usare per gestire in modo centralizzato il sistema. Grazie in anticipo a tutti.
Carlo Carta Project Manager IT
2.0 0 feedback
Dipende da quali attuatori prendi e da cosa vuoi controllare ..
www.linuxha.com/co...
lifehacker.com/ho...
en.wikipedia.org/wi...
Alcuni esempi e guide:
www.opensourceautomation.com...
www.openremote.org/di...
pihome.harkemedia.de...
www.indiegogo.com/pr...
Una software house che si chiama Arduino ...
saluti
Grazie Carlo ho dato un occhio ai vari software alcuni non sono alla mia portata, ma sono cmq molto interessanti.
Raimondo Protomartire Ingegnere Elettronico
1.2 0 feedback
Personalmente ti sconsiglio di orientarti sui sistemi X10. Sono poco affidabili e non sono immuni ai disturbi sulla rete elettrica.
X10 è un protocollo ad onde convogliate, sfrutta il segnale a corrente alternata come portante per la trasmissione dei dati in logica binaria.
Se ad esempio su una presa hai collegato un attuatore per luci X10 e sulla presa adiacente un altro dispositivo, può capitare ad esempio che, scollegandolo, si generi un impulso che viene erroneamente interpretato dall'attuatore come comando di off.
Non ne parliamo se poi ti trovi in una giornata di mal tempo con tuoni e fulmini. Questi ultimi sono in grado di generare forti disturbi sulla rete elettrica, e il risultato è che attuatori e altri dispositivi si attivino quando non richiesti.
Emblematico è stato l'esempio di una persona che conosco, che all'improvviso di notte mentre dormiva, a causa dei fulmini, si è visto accendere le luci della stanza da letto svegliandosi di colpo.
Per la serie, il risparmio non è sempre guadagno.
Se proprio non vuoi spendere molto, orientati su dispositivi wireless (ad esempio il protocollo zigbee usato da alcuni componenti della domotica MyHome di bTicino).
Recentemente inoltre mi sono trovato a visitare il sito di questo produttore:
www.airqnetworks.com...
offre soluzioni domotiche a prezzi accessibili, sviluppate con protocollo proprietario.
Punto di forza sono i loro dispositivi senza fili che operano su una frequenza radio intorno ai 400 Mhz, molto più basse delle frequenze del wi-fi per intenderci, in modo tale da essere immuni ai disturbi (almeno è quello che dichiarano loro, io non ho avuto modo di provarli).
Spero di esserti stato di aiuto
Commenta la domanda

Risposta N. 1
Voti: 2
Ciao Gennaro,
in merito alla tua domanda posso risponderti che ho utilizzato X10 ed è abbastanza affidabile. Per risolvere una situazione simile alla tua, puoi usare dei prodotti della marmitek. In particolare potresti usare i micromoduli da inserire direttamente nella cassetta degli interruttori, senza dover passare nuovi fili.
Ti consiglio di dare un'occhiata a www.nicoshop.com/do....
Per poter gestire centralmente il tuo impianto, dovresti acquistare anche il CM15PRO da collegare ad un PC : www.nicoshop.com/do...
Il software è già incluso, ma potresti usare anche soluzioni open source, come suggeriti da Carlo.
Spero di esserti stato d'aiuto.
Ciao e grazie per la dritta ho preso lo starterkit quando arriva ti farò sapere.
Carlo Carta Project Manager IT
2.0 0 feedback
Raspberry ed arduino come microcontrollers sono perfetti per queste cose ..
saluti
Risposta N. 2
Voti: 1
Vincenzo Rubino 1.8 0 feedback Ingegnere Elettronico
Ciao Gennaro,
ho tutta la casa (compresa porta d'ingresso e riscaldamento) controllata anche da remoto con attuatori e componenti X10.
non ho mai avuto problemi di falsi positivi sugli attuatori.
ho una buona esperienza sul tema, se vuoi possiamo sentirci.
ti saluto
Vincenzo
Giorgio Cafasso IT Manager
2.0 0 feedback
Ciao Vincenzo,
anch'io sto sperimentando la tecnologia X10. Ho recentemente acquistato moduli LM15ES da lampada. Tu sai come programmarli? sto provando a modificare in tutti i modi la unit code ma nulla...
Risposta N. 3
Voti: 0
Franco Lanza 0.0 0 feedback Informatico
Sono ovviamente di parte, perche' mi occupo proprio di domotica, ma posso dirti alcune cose, fermo restando che parto con un "bravo" perche' stai cercando delle alternative ai prodotti chiusi e proprietari che sono oltre che costosi spesso limitanti.
- X10 ha il suo perche', ma e' piuttosto vecchio e tende oramai all'obsolescenza, e ha anche i suoi bei problemi tecnici ( poi tutto e' risolvibile con la competenza, per carita'... ), come ad esempio il fatto che e' sensibile a determinati disturbi sulle linee, che il segnale non passa un sezionatore, e' lento ( puo' trasmettere pochi byte ad ogni passaggio allo zero della corrente alternata, e questo ne limita moltissimo la velocita' di trasmissione ) e quindi non e' in grado di trasportare segnali piu' evoluti del comando "accendi qui" e cose simili.
- Raspberry e arduino: validissimi oggetti, li sconsiglierei fortemente per la domotica. Al di la dei problemi di tipo legali e di certificazione, cosa comunque da non sottovalutare quando si parla di impianti elettrici civili, ci sono anche problematiche di tipo piu' strettamente tecnico per cui sono sconsigliabili se non per l'amantore appassionato che vuole "un po' metterci le mani". Per arduino ad esempio, possiamo dire di parlare di microcontrollori generalisti, ma generalista significa anche "meno ottimizzato per lo scopo preciso che si vuol raggiungere", e di conseguenza meno efficienti. Inoltre non basta certo solo un microcontrollore, ci vuole software, hardware aggiuntivo, tanto lavoro e tanto tempo per arrivare a fare un impianto completo. Per Raspberry, non la consiglierei mai per un impianto domotico, ci sono piuttosto alternative migliori di pari livello ( ad esempio la beglebone black ), e il motivo e' molto semplice: non e' un macchina fatta per durare, le microsd card non sono durevoli se non le compri industriali, e se le compri industriali ti costano piu' che la raspberry...
Affronto il discorso Raspberry e arduino in maniera piu' approfondita qui: www.unixmedia.net/it...
Personalmente propongo un sistema basato su software open source e gestito con schede simili a PLC ma completamente controllabili via web e cablate su normale rete LAN, sullo stesso sito di quell'articolo su arduino & co trovi tutto quanto, non voglio parlarne di piu' qui perche' mi pare di spingermi oltre con lo spam essendone io il produttore e l'ideatore, ma se ti interessa puoi dargli un'occhiata tu e farti la tua idea: www.unixmedia.it...
Risposta N. 4
Voti: 0
Tony Pedi 0.6 0 feedback Informatico
se sai programmare "ad un certo livello" e non ti spaventa approcciarti , almeno psicologicamente/teoricamente con l'elettronica ... e ti piace "fare-da-te" ... allora arduino è una manna dal cielo !!!
con arduino devi solo 'assemblare' vari moduletti per le varie funzioni ch ti occorrono, da un lato ti devi comunque approcciare all'elettronica, un minimo, io gli arduino promini che mi faccio arrivare dalla cina a 3 euro l'uno, mi ci devo saldare le striscette di piedini, e le schede che in fase di test si creano con le 'breadboard', una volta definitive, è consigliabile saldare tutti i moduletti su delle basette millefori ... però , in generale, NON sono richieste conoscenze di ELETTRONICA per progettare il tutto, giusto un minimo per 'capire', giusto un qualcosa di basilare può essere utile affrontarlo, se ne presenterà inevitabilmente l'occasione " l'appetito vien mangiando "
però si riesce a fare tante cose senza alcun problema, io controllo l'accensione dei termosifoni di casa dal cellulare da ovunque mi trovi , o una lampada ( simulazione di presenza in casa), o accendo il pc quando mi serve qualcosa che mi sono dimenticato di copiarmi altrove e da fuori accendo il pc e mi prelevo quanto mi occorra, e tutto questo senza ancora aver BISOGNO di capire/progettare a livello di "resistenze e condensatori" ... ma facendo solo uso di moduli prefatti ed assemblati con i cavetti sulle breadboard ... e non è poco ;-)
Risposta N. 5
Voti: 0
Ultimamente sto testando gli esp8266,sono economici ed affidabili ma ci vuole un pò di lavoro dietro per utilizzarlo come attuatore finito.
Rispondi alla domanda
Aiuto